Cari fratelli e sorelle in Cristo,

È con grande tristezza che abbiamo appreso della decisione di Papa Francesco di abolire il Motu Proprio Summorum Pontificum promulgato da Papa Benedetto XVI il 7 luglio 2007. Dopo decenni di divisioni e litigi, questo Motu Proprio è stato per tutti i fedeli cattolici un’opera di pace e riconciliazione.

Roma viola la parola data da Papa Benedetto XVI, con brutalità e intransigenza, lungi dall’ «aiutare ciascuno a trovare il proprio modo di partecipare alla comunità ecclesiale, perché si senta oggetto di una misericordia “immeritata, incondizionata e gratuita”»  (Amoris Laetitia , n°297).

La volontà espressa nel Motu Proprio Traditionis Custodes del 16 luglio 2021 è quella di far scomparire dalla Chiesa la celebrazione della Messa di San Pio V. Questa decisione ci provoca profonda costernazione. Come comprendere questa rottura con il Messale tradizionale, realizzazione “venerabile e antica” della “legge della fede”, che ha santificato tanti popoli, tanti missionari e ha contribuito a fare tanti santi? Che male fanno i fedeli che semplicemente desiderano  pregare come hanno fatto per secoli i loro genitori e i loro avi? Come  ignorare che la Messa tridentina oggi converte moltissime anime, attira assemblee giovani e ferventi, suscita tantissime vocazioni, ha dato origine a seminari, comunità religiose, monasteri, e che è la spina dorsale di innumerevoli scuole, opere giovanili, catechesi, ritiri spirituali, pellegrinaggi?

Molti di voi, fratelli cattolici, sacerdoti, vescovi, avete condiviso con noi la vostra incomprensione e il vostro profondo dolore: grazie per le vostre numerose testimonianze di sostegno.

Promuovere la pace della Chiesa per costruire l’unità nella carità, ma anche portare i cattolici a riconnettersi con un’eredità che è loro propria, facendo scoprire al maggior numero possibile di persone le ricchezze della tradizione liturgica, tesoro della Chiesa, tali sono stati gli obiettivi perseguiti da Summorum Pontificum. Il Papa emerito Benedetto XVI vede ora la sua opera di riconciliazione essere rovinata durante la sua vita.

In un’epoca scevra di materialismo e lacerata dalle divisioni sociali e culturali, la pace liturgica ci appare come una necessità assoluta per preservare la fede e la vita spirituale dei cattolici in un mondo che muore di sete. La drastica restrizione dell’autorizzazione a celebrare la messa nella sua forma tradizionale riaccende la diffidenza, il dubbio, l’incomprensione, e preannuncia il ritorno di una disputa litugica che è straziante per il popolo cristiano.

Qui lo affermiamo solennemente, davanti a Dio e agli uomini: non permetteremo a nessuno di privare i fedeli di questo tesoro, che è anzitutto un tesoro della Chiesa. Non rimarremo inattivi di fronte al soffocamento spirituale delle vocazioni nei seminari tradizionali, ora preparato dal Motu proprio Traditionis Custodes. Non priveremo i nostri figli di questo mezzo privilegiato di trasmissione della fede che è la fedeltà alla liturgia tradizionale.

Chiediamo dunque a Papa Francesco di riconsiderare la sua decisione di abrogare le principali disposizioni del Motu Proprio Summorum Pontificum e di ripristinare la piena libertà di celebrare la Messa tridentina, per la gloria di Dio e il bene dei fedeli.

8 settembre 2021, festa della Natività della Beata Vergine Maria

 

Personalità che sostengono questa lettera aperta

  • Bernard Antony, Presidente, AGRIF
  • Xavier Arnaud, Presidente, Forum Cattolico
  • Victor Aubert, Presidente, Academia Christiana
  • Patrick Banken, Presidente, Una Voce Francia
  • Alex Barbas, Editore
  • Heinz Lothar Barth, Professore in pensione di filologia classica
  • Monika Gabriela Bartoszewicz, Professore assistente, Università Masaryk
  • Donna Bethell, membro del consiglio di amministrazione Collegium Sanctorum Angelorum & The Paulus Institute
  • Albert Bikaj, Scienziato politico
  • Moh-Christophe Bilek, Fondatore, ND de Kabylie
  • François Billot de Lochner, Presidente della Fondation de Service politique
  • Benjamin Blanchard, DG di SOS Chrétiens d’Orient
  • Christoph Blath, Membro del consiglio di amministrazione, Pro Sancta Ecclesia
  • Dominique Boily, Professeur
  • Thomas Bostock, Presidente – Fondazione Australiana per l’Ambiente
  • Anne Brassié, Giornalista e scrittore
  • Patrick Buisson, Storico e consigliere politico
  • Georges Buscemi, Presidente Québec-Vie
  • Jason Carabello, Fondatore di Radio Free Catholic
  • Humberto Carniero, Professor da Faculdade de Direito do Recife
  • Jacques Charles-Gaffiot, Storico dell’arte
  • Stuart Chessman, Presidente della Società di Sant’Ugo di Cluny
  • Pierre Dominique Cochard, Ex giornalista e business leader
  • Thibaud Collin, Professore associato di filosofia
  • Edgardo J. Cruz Ramos, presidente, Una Voce Puerto Rico
  • Laurent Dandrieu, Giornalista
  • Yves Daoudal, Giornalista – Direttore del blog
  • David Deavel, Editor, Logos: A Journal of Catholic Thought and Culture
  • Michel De Jaeghere, Giornalista e saggista
  • Pierre de Lauzun, Funzionario senior Scrittore
  • Massimo de Leonardis, Presidente della Commissione Internazionale di Storia Militare
  • Roberto de Mattei , ex presidente del CNR (CNRS italiano)
  • Jean-Pierre Destrebecq, Professore
  • Marie-Pauline Deswarte, Dottore in legge
  • Stéphane Deswarte, Dottore in legge, dottore in chimica
  • Cyrille Dounot, Dottore in legge, licenza in diritto canonico
  • C.J. Doyle, Direttore esecutivo, Lega di Azione Cattolica del Massachusetts
  • Christian & Fabienne Drouhot, Presidenti, Domus Christiani
  • Alvino-Mario Fantini, caporedattore di The European Conservative
  • Timothy Flanders, Editore, OnePeterFive
  • Rémi Fontaine, Giornalista e scrittore
  • François Foucart, Giornalista
  • Matt Gaspers, redattore capo di Catholic Family News
  • Jules Gomez, biblista e giornalista
  • Jean Goyard, addetto alle comunicazioni
  • Claude Goyard, professore universitario
  • Giovanni Grimaldi Torelly, CEO e co-fondatore di WeThink Solutions
  • Max Guazzini, Ex presidente di un gruppo di media
  • Michael Hageböck, Summorum Pontificum Freiburg
  • Gregor Hausmann, Membro del consiglio di amministrazione, Pro Sancta Ecclesia
  • Michael Haynes, Journalist
  • Joël Hautebert, Professore di diritto, Università di Angers
  • Michael Hichborn, Presidente, Istituto Lepanto
  • Maike Hickson, Giornalista
  • Robert Hickson, Scrittore Ordodei.net
  • Jasper Juckel, Giornalista
  • Marek Jurek, ex presidente del Sejm polacco
  • Paul N. King, Presidente dell’Istituto Paulus per la Propagazione della Sacra Liturgia
  • Peter Kwasniewski, Scrittore, compositore, ricercatore
  • John Lamont, D. Phil. (Oxon)
  • Philippe Lauvaux, Professore di diritto pubblico, ULB Parigi e Assas
  • Philip Lawler, Editore, Catholic World News
  • Leila Lawler, Auhtor, Blog
  • Anne Le Pape, Giornalista
  • Maria Madise, Direttore di Voice of the Family
  • Christian Marquant, Presidente di Paix Liturgique
  • Taylor Marshall, commentatore e scrittore di YouTube
  • Michael Matt, EdiPatrick Martin, Historien et théologien
  • Oleg-Michael Martynov, Una Voce Russia
  • Martial Mathieu, Docteur en Droit Université de Grenoble
  • Gertraud Marx, Initiativkreis kath. Priester u. Laien, Pro Sancta Ecclesia e.V.ore, The Remnant
  • Jean-Pierre Maugendre, Presidente, Renaissance Catholique
  • Philippe Maxence, Caporedattore, L’Homme Nouveau
  • Jack Maxey, giornalista e analista politico
  • Brian McCall, Cattedra di diritto dell’Università dell’Oklahoma Editor-in-Chief Catholic Family News
  • Bronwen McShea, Dottore di ricerca, storico
  • Charles de Meyer, Presidente di SOS Chrétiens d’Orient
  • Paweł Milcarek, Fondatore e redattore capo di Christianitas
  • Dominique Millet-Girard, Professore alla Sorbona
  • Jean-Marie Molitor, Giornalista
  • Martin Mosebach, Scrittore
  • Maureen Mullarkey, Scrittore
  • Georges Neumayr, Autore del libro
  • Hugh Owen, Direttore del Centro Kolbe per lo Studio della Creazione
  • Luc Perrin, Storico
  • Hugues Petit, Dottore in legge
  • Olivier Pichon, Professore associato dell’università, giornalista di TV liberty.
  • Philippe Pichot-Bravard, Dottore in legge
  • Claudio Pierantoni, Dottorato in Storia del Cristianesimo e Dottorato in Filosofia
  • Jean-Baptiste Pierchon, Dottore in Storia del Cristianesimo & Dottore in Filosofia, Dottore in Giurisprudenza
  • Constance Prazel, Presidente di Liberté politique
  • Enrico Maria Radaelli, Direttore di ricerca e professore ICSA
  • Carlo Regazzoni, Filosofo della cultura
  • David Reid, Presidente Una Voce Canada
  • Christophe Réveillard, Dottore in Storia, Accademico
  • Monika Rheinschmitt, Presidente Pro Missa Tridentina
  • Kevin Rowles, autore cattolico
  • Hervé Rolland, vicepresidente di ND de Chrétienté
  • Eric Sammons, redattore capo della rivista Crisis
  • Edward Schaefer, Presidente Collegium sanctorum angelorum
  • Wolfram Schrems, Mag. theol, Mag. phil, catechista
  • Reynald Secher, Storico
  • Aaron Seng, Presidente di Tradivox, Inc.
  • Jean Sévillia, Giornalista, storico, scrittore
  • Pierre-Yves Simonin, Ambasciatore della Svizzera – a. Ambasciatore dell’Ordine di Malta presso le Nazioni Unite
  • Henri Sire, Scrittore, Compositore, Ricercatore
  • Michael Sirilla, PhD, Steubenville, Ohio
  • John Smeaton, Past CEO di SPUC
  • Jeanne Smits, Giornalista – Direttore del blog
  • Christian Spaemann, MD, psichiatra e psicoterapeuta
  • Peter Stephan, professore di storia dell’arte e teoria dell’architettura, Postdam Univ.
  • Pierre-Edouard Stérin, Imprenditore
  • Anthony Stine, Return to tradtion blog
  • Jean de Tauriers, Presidente di ND de Chrétienté
  • Guillaume de Thieulloy, Editore della stampa
  • Inge M. Thürkauf, katholische Publizistin
  • Marco Tosatti, redattore del blog, Stilum Curiae
  • Jérôme Triomphe, Avvocato
  • José Ureta, Autore del libro
  • Philippe de Villiers, ex ministro, scrittore
  • John-Henry Westen, co-fondatore e caporedattore di LifeSiteNews
  • Elizabeth Yore, Avvocato, Fondatore YoreChilden

Sostieni questa lettera aperta

Su questa lettera:

Questa lettera aperta ai cattolici di tutto il mondo è stata scritta da decine di personalità di tutto il mondo che sono legate alla Messa tradizionale (che siano “tradizionalisti” o meno, e anche che siano cattolici praticanti o meno). Puoi sostenere la loro azione lasciando la tua email nel modulo qui sopra.

Per qualsiasi domanda, si prega di utilizzare il modulo di contatto.

 

Informazioni legali:

Jean de Tauriers – Notre Dame de Chrétienté – 191 avenue du Général Leclerc 78220 Viroflay – France